11 April 17

Italy – Labour market

Tag Cloud

Analisi dell’ambito logistico: Savona

 

Dall’indagine svolta dall’Autorità Portuale di Savona, il 2014 fa annotare una sostanziale tenuta dell’occupazione diretta (+1), mentre quella indiretta ha conosciuto una sensibile crescita (+215).

 

L’occupazione diretta

Nel dettaglio, tra gli occupati diretti sono aumentati:

 

L’occupazione indiretta

Ha conosciuto una crescita, grazie all’aumento:

Alcune delucidazioni meritano di essere date riguardo alla categoria “imprese di trasporto merci” (2896 addetti) che, non comprendendo i vettori operanti presso il Terminal Reefer del bacino di Vado Ligure, riporta il numero di occupati, riferiti principalmente al bacino di Savona.

 

Le figure professionali dell’area retroportuale indicate dalle aziende intervistate

Queste risultano essere i profili indicati come interessanti per il mercato del lavoro.

 

Agente marittimo nelle piccole agenzie marittime locali: la situazione risulta stazionaria, ad eccezione delle agenzie che lavorano in ambito crocieristico che hanno goduto di una forte crescita negli ultimi 10 anni. Prospettive future molto positive, con l’inizio dell’attività della Piattaforma Maersk

I requisiti richiesti dalle aziende

Scuola superiore o università triennale preferibilmente indirizzi economici. Requisito indispensabile: inglese

 

Operatore informatico terminal: la figura è prevista in espansione, in previsione dell’apertura del nuovo Terminal Multipurpose di Vado Ligure

I requisiti richiesti dalle aziende

Università, preferibilmente ingegneria informatica; inglese richiesto

 

Gruista:nel prossimo futuro si aprono opzioni di sviluppo molto positive, in vista dell’entrata in attività della nuova Piattaforma Multipurpose di Vado Ligure, infrastruttura che ospiterà 5 nuove gru ship to shore.

I requisiti richiesti dalle aziende

Istituti tecnici superiori, più corsi di specializzazione e ore di formazione pratica; l’accordo stato regioni del febbraio 2012 ha stabilito il numero di ore e i contenuti che devono essere trattati durante i corsi formativi

 

Responsabile della sicurezza

I requisiti richiesti dalle aziende

Ciascuna Provincia emana annualmente un bando di esame per l’idoneità all’esercizio della professione di responsabile della sicurezza, garantendo la necessaria alternanza ed in raccordo con le altre Amministrazioni provinciali (assetto in via di trasformazione). La Regione tiene un elenco degli operatori della sicurezza, in cui sono inseriti coloro che hanno inviato la comunicazione di inizio attività alle province competenti

 

Tecnico della manutenzione impiantistica

I requisiti richiesti dalle aziende

Ciascuna Provincia emana annualmente un bando di esame per l’idoneità all’esercizio della professione di responsabile di tecnico impiantistico, garantendo la necessaria alternanza ed in raccordo con le altre Amministrazioni provinciali (assetto in via di trasformazione). La Regione tiene un elenco degli operatori esperti impiantisti, in cui sono inseriti coloro che hanno inviato la comunicazione di inizio attività alle province competenti.

 

Tecnico della manutenzione delle opere infrastrutturali portuali e zone limitrofe

I requisiti richiesti dalle aziende

 

Esperto ambientale

I requisiti richiesti dalle aziende

Ciascuna Provincia emana annualmente un bando di esame per l’idoneità all’esercizio delle professioni di guida turistica, di guida ambientale e escursionistica e di accompagnatore turistico, garantendo la necessaria alternanza ed in raccordo con le altre Amministrazioni provinciali (assetto in via di trasformazione). La Regione tiene un elenco degli esperti ambientali, in cui sono inseriti coloro che hanno inviato la comunicazione di inizio attività alle province competenti.

 

Le figure di difficile reperimento

Gli operatori del settore hanno dato indicazioni che riguardano anche le figure di personale a bordo delle navi, siano esse merci o da crociera. In particolar modo si registra una mancanza di figure professionali, operanti in sala macchine.

In particolare:

Deve essere in possesso del certificato di abilitazione di primo ufficiale di macchina e aver effettuato almeno 18mesi di navigazione

 

L’offerta formativa per chi già lavora – formazione continua/aziendale

Corsi e attività formative sono organizzati da Enti o centri accreditati e riconosciuti dalla Regione. In particolare, nel 2015, la Compagnia Portuale ‘Pippo Rebagliati’ ha svolto quanto previsto dall’accordo Stato-Regioni in merito ad abilitazione ed aggiornamento sui mezzi e le attrezzature di lavoro. Ciò ha consentito di rilasciare oltre 350 attestati di abilitazione per varie specialità o di aggiornamento ai soci della Compagnia.

Nell’ambito dello stesso ciclo di corsi, tenuti da docenti della CULP sono stati rilasciati oltre 250 attestati per l’abilitazione o l’aggiornamento all’utilizzo di mezzi ed attrezzature specifiche ai dipendenti delle società terminalistiche, operanti nello scalo di Savona/Vado.

Oltre a questa attività formativa obbligatoria, è proseguito il tradizionale affiancamento dei soci più giovani in settori specifici (lashing, twist e cheker) nella speranza di una ripresa dei traffici container.

L’Autorità Portuale di Savona ha creato un fondo per la formazione, sottoscritto da Regione Liguria, Provincia di Savona, Comune di Vado Ligure Unione Industriali di Savona, Camera del Lavoro di Savona, Federazioni provinciali Fit-Cisl, Filt-Cgil, Uil-Utl.

Tale piano prevede 80mila euro, destinati a finanziare due filoni di attività: uno volto a incrementare la professionalità dei lavoratori che operano nell’ambito del porto di Savona – Vado Ligure, con l’obiettivo prioritario di conservare l’occupazione, l’altro a creare figure professionali, in grado di inserirsi ex novo nel sistema portuale e della logistica portuale, attingendo tra disoccupati e occupati in cassa integrazione, una parte dei quali inseriti nella banca dati costituita presso l’Autorità Portuale di Savona.

Discorso a parte per gli occupati presso il nuovo terminal gestito da APM Terminals che prevede per i neoassunti corsi di formazione ad hoc, con lo scopo di far conoscere le nuove tecnologie che saranno disponibili sul nuovo terminal.

La tendenza occupazionale del settore risulta comunque in espansione

 


Analisi del settore crocieristico e diporto, Savona

 

Nell’anno 2015, il Porto di Savona ha conseguito tre risultati di eccellenza, mai raggiunti in precedenza:

Di rilevanza, anche il risultato del comparto traghetti, comprensivo dei numeri di passeggeri della Corsica Ferries e dei passeggeri della linea per Barcellona, con il traghetto Florencia: il comparto chiude con +17,3%.

L’amministrazione Comunale, inoltre, ha firmato nel novembre 2015, un protocollo d’intesa triennale con Autorità Portuale e Costa Crociere che testimonia una forte unità di intenti per uno sviluppo turistico della città realmente sostenibile.

 

Sviluppi futuri

Nel settore crocieristico, saranno presumibilmente circa 24 milioni i passeggeri previsti alla fine del 2016, con un aumento considerevole, rispetto ai 15 milioni di soli 10 anni fa (nel 2006) o agli 1,4 milioni del 1980.

Tra gli altri trend si segnalano: la connettività sempre più richiesta a bordo, la crescita del lusso, i marchi; le navi divengono esse stesse le destinazioni; altre tendenze: la possibilità di pernottare nei porti di scalo, le esperienze di viaggio intergenerazionali (dai bimbi ai nonni), il volontariato in crociera e la personalizzazione di culture.

 

Le figure professionali indicate dalle aziende intervistate

In espansione, dai dati previsionali con ottime aspettative le figure operanti nel settore crocieristico.

 

Accompagnatore turistico

I requisiti richiesti[1]

 

Animatore turistico

I requisiti richiesti

La figura è presente a Savona con corsi di formazione periodici di personale di bordo per le attività di intrattenimento e socializzazione con gli ospiti, organizzati da Costa Crociere, in collaborazione con la Provincia di Savona.Richiesta la maggiore età e la conoscenza di almeno due lingue straniere.

 

Coordinatore dei servizi di porto turistico

I requisiti richiesti

La figura è presente in Liguria, con corsi di formazione (Progetto Levante, Villaggio del Ragazzo), da sviluppare nell’area del Ponente Ligure. Richiesto il possesso di diploma di scuola secondaria superiore o laurea (vecchio o nuovo ordinamento).

 

Guida turistica

I requisiti richiesti[2]

 

Hostess/steward del diporto

I requisiti richiesti

Presente in Liguria con corsi per International Hostess e steward del diporto e “Guest Service”, per la formazione di addetti all’accoglienza e all’assistenza clienti, a bordo delle navi della compagnia di navigazione. Richiesta la maggiore età e il possesso del titolo di Diploma di scuola media superiore, con conoscenza di base della lingua inglese.

 

Tecnico turistico del diporto

 

On Board Sales & Marketing Manager

 

Le figure di difficile reperimento

Tra le principali figure professionali richieste, al primo posto figurano cuochi e camerieri, con 670 assunzioni, previste in un prossimo futuro – la maggior parte delle quali regolate da contratti a termine – e per i quali, nel 70% dei casi, è richiesta una precedente esperienza lavorativa nel settore.

Rispetto ai profili professionali richiesti dalle imprese:

Rispetto ad un anno fa, risultano in crescita le assunzioni programmate di figure high skill (dirigenti, specialisti e tecnici).

Nettamente superiori alla media, le richieste per operai metalmeccanici ed elettromeccanici, commessi e personale qualificato nelle attività commerciali, e per gli ingegneri.

 

L’offerta formativa per chi già lavora – formazione continua/aziendale

I corsi e le attività formative pubbliche sono organizzate da Enti o Centri provinciali accreditati e quindi riconosciuti dalla Regione Liguria; la frequenza ai corsi di formazione è gratuita. Esiste anche un’offerta di percorsi definiti di ‘alta formazione’, promossi dalla Regione Liguria, in collaborazione con l’Università di Genova.

Vi sono poi corsi di apprendimento permanente per i lavoratori del settore privato, con particolare riguardo agli occupati nelle PMI della green e blue economy, per migliorarne la capacità di adattamento dei lavoratori ai cambiamenti produttivi. Tali corsi sono finanziati con le risorse del Fondo Sociale Europeo.

Costa Crociere organizza periodicamente stage per giovani diplomati, laureandi o laureati. In particolare, si lavorerà sulla formazione, tramite l’organizzazione di stage professionali al Palacrociere di Savona, dedicati ai giovani, e corsi per l’accoglienza turistica, rivolti al personale già operativo. Sono previsti, inoltre, programmi educativi per gli studenti delle scuole locali e cooperazioni con università e istituti di secondo grado per progetti di ricerca legati alle crociere e al turismo.

 

Fonti:

www.porto.sv.it – ufficiostampa@porto.sv.it

http://www.svolta.net/savona-accordo-tra-comune-autorita-portuale-e-costa-crociere-per-sviluppo-sostenibile/5530/

www.rsvn.it/occupazione-in-liguria-cresce-la-domanda-di-lavoro.lits5c68227.htm

www.unioncamere.gov.it/download/4023.html

 


 

Analisi dell’ambito logistico, La Spezia

 

Le figure indicate dalle aziende intervistate

Ecco un elenco dei profili in espansione:

 

La richiesta di queste figure sul mercato del lavoro è dovuta soprattutto alla natura “dinamica” che le caratterizza, e che richiede, di volta in volta, un adeguamento a quanto richiesto dalle aziende.

La figura dello spedizioniere, ad esempio, ha necessità di evolversi, attraverso una formazione continua, sui software di nuova generazione, introdotti per la gestione del flusso documentale.

Tutte le figure, soprattutto quelle di tipo operativo, hanno sempre più necessità di essere polivalenti. Ad esempio, l’Operatore logistico include anche conoscenze e competenze di ‘base’ di altre figure professionali, alle quali associa abilità relative alla conduzione di mezzi di piazzale, alla manutenzione, alla movimentazione di attrezzature di banchina, etc.

La figura del tecnico ferroviario polivalente associa più abilitazioni tra quelle previste dalla normativa ferroviaria, che vanno dalla manovra, alla verifica, alla formazione ed alla conduzione dei treni. Rispetto a questa figura professionale, Scuola Nazionale Trasporti e Logistica ha realizzato alcuni percorsi formativi supportati da accordi occupazionali siglati con imprese e parti sociali, e che in 2 anni hanno portato all’assunzione di circa 40 giovani in imprese ferroviarie operanti a livello nazionale.

 

In sintesi

Importanti investimenti di carattere infrastrutturale – realizzati sia a livello pubblico sia privato – e innovazioni introdotte nel settore porteranno, nei prossimi anni, alla Spezia, ad un ampliamento delle aree logistiche, sia portuali sia retroportuali, con conseguente necessità di inserire nuove risorse. Si stima un incremento occupazionale, diretto e indiretto, attorno alle 700 unità.

Anche a livello nazionale, nonostante le conseguenze non ancora superate legate alla crisi economica, il settore logistico – e quindi anche l’occupazione ad esso collegata – risulta in espansione

 

Le figure di difficile reperimento

Le aziende, spesso, hanno difficoltà a reperire figure professionali già formate, rispetto a tematiche specialistiche e, soprattutto, rispetto a contenuti di innovazione dettati dal settore di riferimento. E’ in questo contesto che si inserisce la formazione specialistica e ad hoc (che in molti casi deve anticipare il cambiamento in atto), per dare il necessario valore aggiunto al curriculum delle persone in cerca di lavoro o di ricollocazione.

 

L’offerta formativa per chi già lavora – formazione continua/aziendale

Scuola Nazionale Trasporti e Logistica è da 25 anni un presidio formativo stabile, a livello sia territoriale sia nazionale/internazionale, per la formazione delle risorse umane che operano nel settore logistica e trasporti. Ai lavoratori di ogni livello vengono organizzati percorsi di formazione continuamente aggiornati rispetto a quanto il mercato richiede.

In quest’ottica, sono state realizzate più di 65.000 ore di formazione, rivolta ai diversi livelli del personale delle imprese del settore logistica e trasporti, su una gamma molto ampia di aree didattiche (competenze manageriali, tecnico-professionali, strumentali, etc.).

La rete del personale docente è costituita da oltre 400 risorse provenienti dal mondo delle imprese, dell’Università, delle professioni) e copre tutti gli ambiti di conoscenza, sia da un punto di vista teorico che pratico.

In particolare, sono stati attuati, a valere su finanziamenti interprofessionali, più di 12 Piani formativi settoriali complessi, che hanno coinvolto imprese di logistica e trasporto su tutto il territorio nazionale, con particolare riferimento alle Regioni che ospitano i più importanti Porti italiani.

Numerosissime iniziative complesse di formazione continua sono state inoltre realizzate su base regionale.

Rientrano nell’ambito della formazione continua più di 100 Seminari specialistici, volti ad approfondire specifiche tematiche del settore, partecipati da operatori e professionisti.

 

 

Tendenza occupazionale complessiva del comparto in espansione

 

 

Un approfondimento sulle competenze dalle aziende

 

Le trasversali richieste

 

Alcune attività, messe in evidenza per i profili ‘Tecnico della logistica’ e ‘Ship agent’

Le informazioni, indicate dai referenti intervistati, ricalcano, in linea di massima, quanto indicato dal questionario, ma si è scelto di riportarle, perché ritenute utili, in quanto messe in evidenza dal mondo dell’impresa, senza alcuna ‘standardizzazione’

 

Tecnico della logistica

 

 

 

Ship agent (agente marittimo)

[1] Ciascuna Provincia emana annualmente un bando di esame per l’idoneità all’esercizio delle professioni di guida turistica, di guida ambientale e escursionistica e di accompagnatore turistico, garantendo la necessaria alternanza ed in raccordo con le altre Amministrazioni provinciali (assetto in via di trasformazione). La Regione tiene un elenco degli accompagnatori turistici in cui sono inseriti coloro che hanno inviato la comunicazione di inizio attività alle province competenti.

 

[2] Ciascuna Provincia emana annualmente un bando di esame per l’idoneità all’esercizio delle professioni di guida turistica, di guida ambientale e escursionistica e di accompagnatore turistico, garantendo la necessaria alternanza ed in raccordo con le altre Amministrazioni provinciali (assetto in via di trasformazione). La Regione tiene un elenco delle guide turistiche, naturalistiche, storiche, in cui sono inseriti coloro che hanno inviato la comunicazione di inizio attività alle province competenti.

 

Categories